La Dieta FODMAP di Cinzia Cuneo: ecco i cibi "pancia piatta"

3/01/2017

Essere e benessere


  • La Dieta FodMap di Cinzia Cuneo è la nuova dieta bestseller: già 200.000 persone la seguono con successo, perché attraverso i cibi giusti (quelli "pancia piatta") sono riuscite a eliminare gonfiore, crampi e intestino irritabile.

    Nella prefazione del libro, a cura del Prof. Silvio Danese, gastroenterologo, si legge: "L’intestino è spesso definito il nostro secondo cervello, e a me piace ricordare ai miei pazienti che la parola detta lentamente, «in-testino», in effetti ricorda una piccola testa che risiede dentro la pancia!".

    La sindrome dell’intestino irritabile (SII), detta anche sindrome del colon irritabile o colite spastica, porta crampi intestinali, dei gonfiori, la diarrea o delle flatulenze. Per chi ne soffre si tratta di un problema che interferisce con la vita quotidiana, le relazioni sociali e i rapporti affettivi, generando non solo sofferenza fisica, ma anche emotiva. 

    Si stima che all’incirca una persona su sette sia affetta da questa sindrome... Chi soffre di simili disturbi intuisce un collegamento tra quello che ha mangiato e i suoi sintomi, ma la relazione non è sempre così ovvia. Alcuni decidono di bandire determinati alimenti perché la dieta di moda al momento suggerisce di farlo. 

    Negli ultimi anni, per esempio, il glutine e i prodotti caseari sono stati spesso indicati come i responsabili di diversi problemi, tra cui dolori e gonfiori addominali piuttosto fastidiosi. In effetti consumando meno pane, pasta e prodotti caseari molte persone si sentono tendenzialmente meglio e meno gonfie. Tale miglioramento però non è attribuibile all’eliminazione del glutine e dei derivati del latte ma, piuttosto, all’eliminazione dei FODMAP contenuti anch’essi nel grano e nel latte. 

    L’acronimo è formato dai termini inglesi Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols (oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi fermentabili e polioli) che indicano alcuni zuccheri semplici e molecole simili a essi che vengono fermentati dai batteri intestinali. 

    La prima parte del libro vi fornirà le basi per comprendere la logica di un’alimentazione a basso contenuto di FODMAP e il suo processo applicativo. Nella seconda parte verranno proposti menu e ricette che vi consentiranno di metterla in pratica. Infine, potrete trovare sul sito www.soscuisine.it dei menu completi a basso contenuto di FODMAP, personalizzati a seconda delle vostre intolleranze, e aggiornati ogni settimana. Le ricette sono disponibili con le dosi per diverse porzioni. 



Commenti