• EDIZIONE FUORI COMMERCIO
  • Attualità

    Eliminazioni di massa

    Elena Bissaca, Alberto Salza

    Tattiche di controgenocidio

    Ogni volta che si parla di genocidio tutti noi pensiamo a un'anomalia della Storia, un'eccezione non ripetibile. Dal Rwanda alla Shoah, dal Darfur all'ex Jugoslavia, gli stermini di massa sono però troppo frequenti per essere considerati una devianza. Non solo: il fatto di ritenerli un'aberrazione è - per molti versi - assolutorio, mentre un genocidio si può non solo prevedere, ma anche prevenire, a patto che si riesca a capire. In realtà la chiave per smontare il meccanismo quasi fatale che conduce alla catastrofe sta nella semplice frase "bisogna pure fare qualcosa".
    È solo così che lo spettatore passivo può trasformarsi in soccorritore, e la spirale di odio generata dal disprezzo può essere interrotta. Allo scopo di indagare i confini, le caratteristiche comuni a tutti i massacri e soprattutto individuare le modalità per bloccare un processo che dall'intolleranza porta allo sterminio, gli autori hanno creato un'eliminazione di massa "da laboratorio", un mosaico di tutti i genocidi della Storia, entro cui si muovono i personaggi che - più o meno attivamente - concorrono al genocidio: ideatori, perpetratori, collaboratori, spettatori, manipolatori, studiosi e vittime, in tutte le loro declinazioni.
    Assumendo i punti di vista dei diversi attori, possiamo delineare le istruzioni tattiche da applicare nella vita quotidiana. Perché il genocidio ci riguarda molto da vicino: anche se ci sentiamo impermeabili all'odio, l'odio può coinvolgerci in maniera inaspettata. Possiamo noi stessi diventare vittime (e questo dipende da altri), oppure carnefici, spettatori passivi o, nel migliore dei casi, oppositori attivi. Eliminazioni di massa di Alberto Salza non è soltanto un libro sui genocidi della Storia. Parla del disprezzo fra uomini, di come viene alimentato fino all'odio e di come si può disinnescare.
    Dimostra che gli stermini non sono altro che una versione macro delle trappole di intolleranzache osserviamo ogni giorno in piccola scala nelle nostre case, scuole, fabbriche, uffici, Stati. Ci ricorda quanto ognuno di noi può esserne coinvolto e responsabile: dopo questa lettura non avremo più scuse.
    + Leggi tutto
    commenti


Alberto Salza

Alberto Salza (Torino, 1944), dopo gli studi in fisica si è mutato in antropologo free lance. Ha compiuto numerose missioni scientifiche sul campo, dal Sudafrica al Belize, dalle Montagne Rocciose canadesi allo stretto di Bering. Da quarant'anni studia le strategie di sopravvivenza in Africa, in particolare nella zona del lago Turkana: dalle problematiche dei nomadi alla ricostruzione dell'origine della cultura di quattro milioni di anni fa. Ha collaborato con varie università, organizzazioni umanitarie e istituzioni, fra cui il Ministero degli Affari esteri, l'Unione europea e le Nazioni Unite. Collabora con numerose riviste scientifiche e divulgative, fra cui Le Scienze, D di Repubblica, Airone, Focus e ha pubblicato diversi libri, fra i quali Evoluzione dell'uomo (1986), Ominidi (1989, nuova edizione 1999), e il monumentale Atlante delle popolazioni (UTET, 1997). Non ha mai posseduto un telefono cellulare.

leggi tutto

Elena Bissaca



Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    978882005211
  • ANNO DI USCITA
    2012
  • PAGINE
    512
  • EDIZIONE FUORI COMMERCIO


Become a fan

Ti potrebbero interessare anche



Commenti


Più venduti