• Storie e personaggi

    Mio figlio

    Sue Klebold

    Dopo Columbine: le domande di una madre, i segreti di un adolescente

    Come ha potuto il ragazzo che ho cresciuto con amore trasformarsi in un assassino? È la domanda angosciante che Sue Klebold si è posta per anni. Il 20 aprile 1999 suo figlio Dylan e l'amico Eric Harris erano entrati nella Columbine High School, in Colorado, armati di bombe e pistole e avevano sparato ai compagni nel bar, in biblioteca, nei corridoi. Poi si erano suicidati, lasciando a terra tredici morti e ventiquattro feriti
    . Dopo lo sgomento, lo strazio, la vergogna e il rimorso, Sue ha iniziato un lungo percorso per tentare di venire a patti con una realtà inaccettabile. Ha letto e riletto i suoi diari e quelli di Dylan, scavato tra gli episodi e le conversazioni del passato, sezionato la sua vita famigliare con la precisione di un medico legale, cercando di comprendere che cosa le fosse sfuggito, quali errori avesse commesso.
    La conclusione del suo lavoro, descritto con onestà spietata, è una verità difficile da accettare: conoscere fino in fondo i propri figli è impossibile, e l'amore non basta a proteggerli dalla sofferenza psicologica.
    Bisogna essere consapevoli della vulnerabilità degli adolescenti, anche di quelli che sembrano felici. La speranza che ciò che ha scoperto con fatica e dolorosamente possa essere utile ad altri genitori l'ha aiutata a compiere un ultimo passo difficile, quello di pubblicare la sua storia. Toccante, sconvolgente, traboccante di compassione e saggezza, Mio figlio è un libro fondamentale per imparare a guardare più consapevolmente i ragazzie cogliere in tempo i loro piccoli e grandi disagi.
    + Leggi tutto
    commenti

  • Altre edizioni:

    ebook   €9,99
    rilegato   €18,00
Leggi Capitolo Leggi il primo capitolo

Sue Klebold

Sue Klebold

Sue Klebold è la madre di uno dei due ragazzi che nel 1999 uccisero tredici persone nella Columbine High School, in Colorado, prima di togliersi la vita; una tragedia diventata, negli Usa come in Europa, il simbolo della violenza giovanile. Nei sedici anni successivi si è dedicata a indagare a fondo la storia del figlio e della sua famiglia per cercare di comprendere la relazione fra il disagio psicologico e la violenza. È impegnata in un intenso lavoro a sostegno di organizzazioni caritative e di ricerca sulla salute mentale di bambini e adolescenti. A queste associazioni sono destinati i proventi della vendita del libro.

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    978882006021
  • ANNO DI USCITA
    2016
  • PAGINE
    384


Become a fan