• Narrativa

    Pelagija e il gallo rosso

    Boris Akunin

    Dalle gelate steppe d'Oltrevolga all'accecante calore della Palestina, suor Pelagija (che nel corso del libro diventerà Polina Andreevna) segue le tracce di "Manujla", un essere enigmatico dalle mille personalità. Pazzoide barbuto e scalzo che attraversa mari e monti gettando scompiglio ovunque, forse corruttore di una innocente bambina, furbo santone fondatore e sfruttatore della setta dei Trovatelli, povero demente inconsapevole, "Manujla" è comunque in pericolo: un'organizzazione lo vuole morto. Dalla sua ha comunque la protezione della gente: molti ammazzerebbero la propria madre per proteggere questo essere curioso. Così il mistero di infittisce. Intorno, un mondo mutevole e inquieto si contorce disegnando uno schema che si compirà nel futuro: intrighi a Pietroburgo, antisemitismo in Europa, migrazioni di pionieri ebrei in Terra d'Israele...
    + Leggi tutto
    commenti


Boris Akunin

Boris Akunin è lo pseudonimo adottato da Grigori Tchkhartichvili, saggista, traduttore, narratore di origini georgiane. Nato nell'ex Unione Sovietica nel 1956, dal 1958 vive a Mosca. Laureato in filologia e storia orientale, si è specializzato in lingua e letteratura giapponese, è presidente del Comitato accademico della Biblioteca Giapponese in 20 volumi e della fondazione Puskiniana. Ha pubblicato un importante saggio sul rapporto tra letteratura e suicidio e tradotto scrittori quali Yukio Mishima. La serie di Erast Fandorin, pubblicata in Italia da Frassinelli, è diventata un vero e proprio caso letterario internazionale. Tradotta in tutta Europa, in Russia ha venduto tre milioni di copie; e nel 2001, per il secondo anno consecutivo, ha valso all'autore il Premio Bestseller Nazionale Russo e il Premio Nazionale Russo Booker.

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    978887684826
  • ANNO DI USCITA
    2005
  • PAGINE
    480


Become a fan

Ti potrebbero interessare anche



Commenti


Più venduti