• Romanzo di un ingenuo

    Giampaolo Pansa

    L'Italia del Novecento raccontata da un cronista d'eccezione. Una cavalcata attraverso il tempo, in cui la rievocazione dei grandi eventi storici e dei loro protagonisti s'intreccia strettamente con le vicende minute di gente comune, gente che come noi ha amato, sofferto, lottato, sperato di vivere prima o poi in un paese "normale". Con il piglio del narratore di razza, Giampaolo Pansa ripercorre la storia italiana in una prospettiva molto intima, quasi famigliare. A condurci per mano lungo i decenni del "secolo breve" sono infatti prima i nonni, poi i genitori dell'autore e, da un certo punto in avanti, lo stesso Pansa, che si rivede bambino, giovane studente, tenace e appassionato giornalista alle prime armi, ritrattista polemico e pungente della società politica, uomo maturo deluso da un paese che non gli piace più.
    + Leggi tutto
    commenti

  • Altre edizioni:


Giampaolo Pansa

Giampaolo Pansa

Giampaolo Pansa (Casale Monferrato, 1935), grande firma del giornalismo italiano, ha pubblicato con Sperling & Kupfer romanzi e saggi diventati grandi bestseller, fra i quali Il sangue dei vinti, La Grande Bugia e I Gendarmi della Memoria.

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    978886061428
  • ANNO DI USCITA
    2008
  • PAGINE
    368


Become a fan

Ti potrebbero interessare anche


Dello stesso autore


Commenti


Più venduti