• Attualità

    33

    Marco Ubertini

    Marco ha appena sedici anni quando scappa di casa: della scuola non gli importa nulla, la famiglia la sente lontana, le regole sono gabbie dalle quali fuggire. Ha un furgone che non potrebbe guidare, spray e marker per lasciare il suo tag e davanti a sé un senso di infinite possibilità. Gira la periferia romana, tra palazzi grigi e campi rom, manicomi abbandonati e depositi di treni, cercando nuovi posti dove tracciare la sua firma e fermarsi per un po'. Gli amici diventano la sua casa: con loro condivide i pochi soldi e i progetti, i sogni e il fumo. E poi la droga: tanta, diversa, confusa, tra le pasticche dei rave e le notti con i compagni di viaggio, fino all'incontro con la compagna più dolce ed esigente, l'eroina. Per lei, per averla e mantenerla, si dà al taccheggio e al piccolo spaccio, finisce in prigione e in giri pericolosi, ogni giornata è vissuta alla ricerca di una nuova dose. Finché l'amore assume i contorni chiari di una dipendenza e Marco si ribella. In questo libro crudo e poetico, racconta la sua discesa nell'inferno e ritorno, sempre in bilico tra seduzione e autodistruzione, folle libertà e annientamento, sullo sfondo di una Roma cupa e brutale. Una storia vera che ha il ritmo dell'hardcore e l'immaginario de L'odio, di Trainspotting e di Stand By Me. Una storia che affonda le sue radici esattamente nel punto in cui Marco ha rischiato di perdere se stesso.
    commenti


Marco Ubertini

MARCO UBERTINI (1982) è stato testimone dello sviluppo delle principali sottoculture tra gli anni Novanta e i primi Duemila, dal writing ai rave party fino alle proteste giovanili culminate nel G8 di Genova. Militante dal 1998 nel crew romano dei Savage Boys. Membro dal 2007 del collettivo Brokenspeakers, scrive con loro una pagina importante del rap underground romano.

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    9788820068691
  • ANNO DI USCITA
    2020
  • PAGINE
    256


Become a fan



Commenti



Più venduti