• Narrativa

    Dove comincia il mare

    Eigei

    Trentuno metri quadrati. È stata questa, per mesi, la misura dell'ossessione di Riccardo, lo spazio fisico e mentale in cui ha inseguito, notte dopo notte, il suo sogno: scrivere una sceneggiatura capace di attirare le attenzioni di un produttore cinematografico.

    E ora che osserva i campi e gli alberi e le case confondersi sul finestrino di un treno diretto a Venezia, dove assisterà alla prima del film nato dalle sue parole, Riccardo ha paura. Ha paura di buttare lo sguardo davanti a sé, verso il futuro che mille volte ha provato a immaginare. E ancora di più, ha paura di voltarsi, ripensare a quello che è stato.

    Perché ripercorrere gli ultimi anni della sua vita significa rivedere Laura in quel vecchio cinema di Milano; sentire sulla pelle il brivido di quei primi sguardi che si cercano; restare svegli tutta la notte, sdraiati uno accanto all'altra a discutere di cinema e del proprio destino; assistere impotenti alla fine che arriva anche quando non l'aspetti, anche quando vorresti che una storia durasse in eterno.

    E come sempre quando la testa non è che un groviglio di pensieri incasinati, a bordo di quel treno Riccardo cerca ordine nelle parole, aggrappandosi ai versi che è abituato a lasciar cadere tra le pagine del suo quaderno. E in mezzo a quelle rime e a quei pensieri rubati allo scorrere del tempo riuscirà forse a intravedere la verità di quanto accaduto tra lui e Laura. Che una fine non può cancellare tutto quello che l'ha preceduta. Che ogni finale può essere il prologo di una nuova storia.

    C'è una frase: «Una casa sul mare, non è mai lontana da niente».

    Come si può raccontare il mare a chi vede solo acqua?

    A chi non si è mai ritrovato perso osservando l'orizzonte?

    A chi non si è mai chiesto perché le lacrime e il mare hanno lo stesso sapore?

    Se solo potessi metterei il rumore dei miei pensieri nelle conchiglie e il rumore del mare nella mia testa.

    commenti

  • Altre edizioni:


Eigei

Eigei si è avvicinato molto giovane al mondo della scrittura grazie alla musica, come autore di canzoni. Dopo un viaggio in California ha deciso di annotare pensieri e riflessioni su una pagina Instagram attorno alla quale, nel giro di pochi mesi, ha preso vita una sorprendente comunità di lettori e lettrici. Nel 2019 ha esordito nella narrativa con Il tempo è una vertigine. Questo è il suo secondo romanzo. @eigei_scrive

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    9788892740136
  • ANNO DI USCITA
    2020
  • PAGINE
    224


Become a fan



Commenti



Più venduti