• La nostra lingua italiana

    Valeria Della Valle, Giuseppe Patota

    La storia della lingua italiana è così bella e avventurosa che vale il lungo viaggio necessario a conoscerla: un percorso che attraversa quasi undici secoli e incomincia con l'esplorazione di antichissime chiese che conservano, in iscrizioni visibili sui loro muri scrostati, le prime tracce dell'uso del volgare. Nelle varie tappe dell'itinerario gli autori ci guidano fra i versi della Divina Commedia, per spiegare perché Dante è il padre della nostra lingua; assistono alla nascita della grammatica, grazie al lavoro di Leon Battista Alberti; si appostano alle spalle degli Accademici della Crusca mentre a Firenze, all'inizio del Seicento, redigono il primo vocabolario; ascoltano le lezioni di Galileo Galilei, che scrive le sue opere in un volgare che non ha bisogno di traduzioni per essere inteso anche oggi; seguono Alessandro Manzoni che, nelle diverse stesure dei Promessi sposi, getta le basi dell'italiano moderno. Intrecciando la storia e l'analisi linguistica con aneddoti e curiosità, i due studiosi ci accompagnano fino ai tempi più recenti, in cui assistiamo alla battaglia tentata dal regime fascista per imporre l'uso del «voi» ed eliminare quello delle parole straniere e all'impegno dei padri costituenti per consegnare al Paese una Costituzione scritta in modo cristallino e comprensibile a tutti. Con uno sguardo al presente e al futuro dell'italiano si chiude un excursus appassionante e ricchissimo di informazioni, che svela la grande bellezza della nostra lingua, non inferiore a quella della nostra arte e delle nostre città, e invita a rispettarla e a usarla più consapevolmente.
    commenti

  • Altre edizioni:

    ebook   €9,99

Valeria Della Valle

Valeria Della Valle

Valeria Della Valle ha insegnato Linguistica italiana alla Sapienza Università di Roma. È accademica corrispondente dell'Accademia della Crusca e socia ordinaria dell'Accademia dell'Arcadia. Ha pubblicato saggi sugli antichi documenti toscani, sulla storia dei dizionari italiani, sulla prosa dei narratori contemporanei, sulla terminologia dell'arte, sui neologismi. Ha diretto la terza edizione del Vocabolario della lingua italiana Treccani (2008); con Giovanni Adamo ha pubblicato quattro raccolte di neologismi, l'ultima delle quali è Neologismi. Parole nuove dai giornali (Treccani 2018). Con Giuseppe Patota ha diretto una nuova edizione del Vocabolario Treccani (il Nuovo Treccani, 2018), ha pubblicato grammatiche scolastiche (Pearson Italia), una raccolta di Lezioni di lessicografia (Carocci) e, per Sperling & Kupfer, Viva il congiuntivo!, Viva la grammatica!, Ciliege o ciliegie?, Piuttosto che, L'italiano in gioco. Da anni sono protagonisti di rubriche giornalistiche, radiofoniche e televisive riguardanti dubbi e curiosità sulla nostra lingua e consulenti di programmi televisivi dedicati all'insegnamento della lingua italiana.

leggi tutto
Giuseppe Patota

Giuseppe Patota

Giuseppe Patota è professore di Storia della lingua italiana presso l'Università di Siena-Arezzo, accademico della Crusca e socio dell'Accademia dell'Arcadia. Si è occupato di storia dell'italiano letterario, storia della grammatica e della lessicografia italiana, insegnamento dell'italiano a italiani e stranieri. È stato direttore scientifico del Grande Dizionario Italiano Garzanti. Con Valeria Della Valle ha diretto una nuova edizione del Vocabolario Treccani (il Nuovo Treccani, 2018), ha pubblicato grammatiche scolastiche (Pearson Italia), una raccolta di Lezioni di lessicografia (Carocci) e, per Sperling & Kupfer, Viva il congiuntivo!, Viva la grammatica!, Ciliege o ciliegie?, Piuttosto che, L'italiano in gioco. Da anni sono protagonisti di rubriche giornalistiche, radiofoniche e televisive riguardanti dubbi e curiosità sulla nostra lingua e consulenti di programmi televisivi dedicati all'insegnamento della lingua italiana.

leggi tutto

Caratteristiche tecniche

  • COD. ARTICOLO
    9788820068431
  • ANNO DI USCITA
    2019
  • PAGINE
    208


Become a fan


Dello stesso autore


Commenti



Più venduti