Tu + l’Italia + Anna Todd + la vita!

 Dopo il primo racconto in pieno stile fanfiction scritto da Anna Todd (che potete leggere qui), ecco il secondo, opera del suo editor Adam Wilson e ispirato ai giorni trascorsi da Anna in Italia…

Tu + l’Italia + Anna Todd + la vita!

di Adam Wilson

Immagina…

Sei in Italia, cammini per strada con la musica in cuffia, canticchiando una canzone della tua nuova band preferita: i Double Direction, gruppo australiano composto interamente da gemelli identici e fino a questo momento sconosciuti degli One Direction, spediti agli antipodi quando erano ancora in fasce per permettere ai futuri One Direction — ancora neonati — di concentrarsi sui loro melodici pianti, e nella speranza che un giorno diventassero l’enorme fenomeno mondiale che ora stanno diventando grazie alla “perdita di direzione” dei fan durante la pausa dei 1D.

Hai sentito Anna Todd dire che le piacciono i Double Direction, anche se non quanto a te, perché le sembra che la loro musica calpesti un territorio troppo familiare.

Comunque, non vale la pena rimuginarci troppo.

Ti stai gustando una specie di pizza, qualunque cosa sia la roba spacciata per pizza in questa nazione che pare abbia inventato la pizza — anche se tu, da quando sei qui, non hai trovato niente che possa assomigliare alla pizza americana. È comunque buona, massì, e non ti dispiace cambiare, purché per poco, però ti fa venire in mente di nuovo il dilemma DoubleD / 1D, che prima o poi richiederà la spiegazione di un fisico delle particelle.

Mentre rifletti su come diventare l’amico del cuore di un fisico delle particelle, ecco apparire all’improvviso un’ondata di paparazzi, come una marea o un’alluvione che si riversa proprio verso di te.

Esterrefatto, ti giri a destra e a sinistra in cerca di una piazzetta pittoresca dove rifugiarti, ma sei circondato da motorini, tanto diffusi in Italia e per niente a Austin, la città hipster dove ti sei trasferito per essere più vicino ad Anna Todd.

Voltandoti di nuovo verso ciò che si potrebbe definire unicamente come un’orda barbarica fotograficamente evoluta, vedi la preda che stanno puntando: una bionda carina che sembra una barchetta a remi sul punto di essere sballottata dalle onde agitate di una tempesta inarrestabile. Quel viso e le sue ciglia deliziose fanno solo in tempo a mettersi in guardia prima di essere travolte dalla marea umana, che prende a fare foto della sua reazione stupita, a gettarle addosso libri piuttosto voluminosi, a chiederle quale band ascolti — «ODDIO FA CHE SIA HARRY», senti qualcuno gridare — e in generale a farsi gli affari suoi.

Tiri fuori il telefono per fare una foto della scena, o magari un video, o qualcos’altro, quando, abbassando lo sguardo, ti accorgi di avere lasciato l’app di Wattpad aperta sull’ultimo capitolo di Nothing More di Anna Todd. Mentre cerchi freneticamente di scorrere, scuotere, premere pulsanti per uscire da Wattpad e arrivare alla macchina fotografica, il tuo account torna indietro di un paio di schermate e ti ritrovi davanti un viso che definire familiare è poco.

Quasi ti si stacca la mascella mentre fissi lo schermo. Rialzi gli occhi verso la ragazza bionda che ora afferra i libri che le vengono scagliati contro e li firma veloce come Flash, per poi rispondere con un sorriso a ogni incomprensibile saluto che le viene rivolto in italiano. Abbassi lo sguardo sul telefono. Rialzi lo sguardo su di lei.

È Anna Todd, dici tra te e te.

Sul telefono? Massì, ovvio, perché sei sulla sua pagina.

Ma no, furbo: sia lì che qui! La tua voce interiore ti dà del cretino. Sul telefono e sul selciato di questa pittoresca strada italiana!

«Ohhhh» dici a te stesso a voce alta. Al che — e, se vogliamo, il fatto che questo accada è un po’ una violazione delle leggi della fisica acustica — in qualche modo la folla davanti a te ti sente e interrompe tutto il suo trambusto per guardarti.

«Ehi» dice Anna sorridendo, e indica col dito. «Attento a quei motorini. Ieri sera per poco non ci andavo a sbattere. Ecco perché vado in giro a piedi.»

«Oh» fai tu. Poi, prendendo coraggio: «Ti serve aiuto? Resisti nel vortice dei selfie?»

Anna ti guarda come se fossi un tenerissimo cerbiatto. Un Bambie gentile e premuroso, un cartone animato con gli occhi grandi. Ma poi dice: «Tutto bene. Mi sto divertendo un sacco e i fan sono stati fantastici. Grazie comunque, sei gentile a chiederlo. Perché non vieni al firmacopie stasera?»

E con questo, tira fuori un pennarello Sharpie rosa, firma ancora qualche libro e si allontana per la strada con la stampa al seguito.

Non sai se sia per il profumo chimico di quello Sharpie rosa o per gli ultimi flash dei paparazzi, ma all’improvviso il jet-lag è sparito. Ti senti bene per il resto della giornata. Ami l’Italia e la sua strana pizza! Ami i motorini e l’architettura pazzesca. E ami il fatto che Anna si sia dimenticata per strada il suo iPhone… perché così ora hai la certezza che vi rivedrete.

Tu + l’editor Adam + i pony

Abbiamo tradotto in italiano due racconti scritti da Anna Todd e dal suo editor (qui gli originali): due brevi fanfiction che hanno proprio loro due come protagonisti. 

Ecco il primo: Anna è in attesa di incontrare Adam (quel figo di Adam Wilson, senior editor della casa editrice Gallery Books) e per parlargli è disposta a tutto. Anche a dire una piccola bugia…

Tu + l’editor Adam + i pony! di Anna Todd

Immagina…

Il tuo più grande desiderio è sempre stato diventare una scrittrice. Senti che le tue vene potrebbero sanguinare inchiostro nero, e hai scritto il miglior manoscritto che sia mai esistito. Senza dimenticare quant’è fantastico il tuo stile… Insomma, proprio non ti capaciti del fatto che su Wattpad abbia ottenuto solo cinque letture — tre delle quali sono tue.

Non hai fatto altro che aspettare questo momento: il giorno in cui incontrerai finalmente LUI, Adam Wilson, Senior Editor della casa editrice Gallery Books. Quel giorno è oggi. Lui è uno che conta e tu non stai più nella pelle all’idea di respirare la sua stessa aria. Ne hai sentite tante di storie sul suo conto, dalla sua risaputa ossessione per le Kardashian al suo carattere spiritoso ma riservato.

Controlli il telefono per l’ennesima volta. Fra sole due ore lui sarà seduto proprio qui, di fronte a te, a questo tavolino di uno Starbucks di Manhattan. La scelta del giorno è stata strategica, ecco perché sei arrivata con cinque ore di anticipo. Volevi essere sicura che tutto fosse pronto: la copia rilegata del tuo manoscritto, la maglietta di Gambit il supereroe che hai indossato perché, da quel poco che Adam racconta di sé su Twitter, hai capito che è suo fan. Hai persino comprato tre fumetti degli X-Men e hai fatto in modo che sporgano quanto basta dalla borsa perché li veda.

Ancora un’ora. La trascorri provando il discorso che farai quando arriverà. Cambi posto altre cinque volte per trovare quello che sarà più confortevole per lui. È piuttosto alto, perciò vuoi che stia il più comodo possibile.

Due minuti di ritardo. Sono le 14.02 e non è ancora arrivato. Non ci sono lunghe chiome folte in vista, non ci sono occhi azzurri in cerca dei tuoi.

Tre minuti di ritardo.

Proprio mentre cerchi su Google il numero di telefono della casa editrice, eccolo che arriva.

Con quella camicia blu abbottonata fino al collo e i jeans, è proprio come te lo sognavi. Ha i capelli legati, e un po’ ci rimani male perché non vedevi l’ora di ammirare quelle onde castane ricadergli sulle spalle. Ma va be’.

Si avvicina chiamandoti per nome, la mano tesa per stringere la tua.

Oh no, non così. Ti alzi e lo abbracci, non ti stacchi finché non senti un suo mugugno. Imparerà ad amare i tuoi abbracci, ricordi a te stessa.

«Meglio se ci mettiamo subito al lavoro» esordisci con un sorriso e un flap-flap di ciglia.

Lui si siede, lo sguardo perplesso, ma non ti lasci scoraggiare.

«Cyclone Pony Hearts è il racconto epico dell’incontro tra i tornado e i pony e..»

«Come, scusa?» Fa una smorfia, hai la sensazione che vorrebbe ridere ma sa che non è il caso.

«Il mio romanzo…» Avverti esitazione da parte sua, capisci che gli serve una spiegazione. «Non preoccuparti: non è un volume solo, ci sono sette libri!»

Adam ti scruta più attentamente, e all’improvviso ti scoccia un po’ che non si sia nemmeno accorto della tua maglietta con Gambit.

«Quindi… non hai nessun gatto da regalare, giusto?» chiede.

Massì, forse hai messo un annuncio in cui dicevi che regalavi un gatto, un micetto carinissimo di nome Goose, ma adesso non c’entra.

«Però il mio romanzo…» provi a distrarlo.

Hai detto una bugia pur di incontrarlo, e allora? Hai fatto di peggio. Miles Teller può spiegare tutto.

«Devo andare.» Adam si alza e tu non sai che fare.

Decidi di imparare dai tuoi sbagli e lasciarlo andare.

Non sarà l’ultima volta che ti vede.

Ne sei più che certa.

IMAGINES – ecco l’indice dei racconti

IMAGINESfanfiction in cui il lettore è il protagonista della storia 

«La fanfiction ci permette di esprimerci in modi creativi e familiari con chi condivide le nostre passioni. Ha ispirato milioni di lettori e di scrittori in tutto il mondo. Sono fiera di essere parte di una comunità tanto straordinaria.» 

[Anna Todd]

Che cos’è IMAGINES? Un’antologia unica nel suo genere perché raccoglie i racconti degli autori più seguiti di Wattpad, prima tra tutti Anna Todd.

Ecco l’indice dei racconti presenti nel libro:

Fare selfie per abbattere il patriarcato  con Kim Kardashian di Kevin Fanning   

Supereroe in lista d’attesa di Annelie Lange  

Il mezzo d’espressione di Anna Todd 

Dieci anni dopo di Blair Holden 

Essere la signora Reedus di Bella Higgin 

Fuga da Ashwood Manor di Marcella Uva  

La serata più bella di Jen Wilde

Quella che è scappata di Ariana Godoy 

Vendicarsi di Eve di Rebecca Sky 

Un’amica improbabile di Anna Todd 1

Knockout di Katarina E. Tonks 

Un venerdì ogni tanto di Scarlett Drake  

Il tuo migliore amico di Peyton Novak 

Che vinca la squadra migliore di C.M. Peters 

Buon compleanno di Ashley Winters 

L’Accademia di danza di Channing Tatum di Bryony Leah 

Davvero Supernatural di E. Latimer 

Non tutto è come sembra 

Il cercatore di Karim Soliman 

Cambio di rotta di Debra Goelz 

Dev’essere magia di Steffanie Tan 

Una nuova conoscenza di Leigh Ansell 

La tua crisi di Bourne Identity di Dmitri Ragano 

Il bacio dell’inverno di Michelle Jo Quinn 

All’improvviso di Tango Walker 

Kimergenza presidenziale di Kate J. Squires 

Il suo cuore inglese di Kora Huddles 

Ding & Crash di Laiza Millan 

The Tonight Show presenta te (e Jimmy Fallon) di Elizabeth A. Seibert 

Michael Clifford ti porta alla festa di fine anno di Kassandra Tate 

A ogni morte di vampiro di Jordan Lynde 

Fanfiction di A. Evansley 

Impressione indelebile di Bel Watson  

Lasciati guidare dal cuore di Doeneseya Bates 

Become a fan