Il commissario Soneri ci scrive

Sì, è vero, ritorno molto arrabbiato. Del resto, calmo, mica lo sono mai stato. “Soneri, lei è un personaggio malinconico, nostalgico…” mi sentivo dire. Be’, la malinconia è colma di rimpianto ed è un sentimento tutto sommato tranquillo. Anche rassegnato di fronte all’ineluttabile trascolorare delle cose.

La rabbia, invece, non è né rassegnata né tranquilla. Ecco, io adesso sono così. Appartengo all’epoca dell’euforia del progresso e avrei voluto che si perpetuasse.

Mio padre mi ha consegnato un Paese migliore di come l’aveva ereditato e io consegnerò a mio figlio un Paese peggiore: ecco il mio cruccio!

Molti della mia età hanno tradito e contro questi combatto. Contro il loro mondo di interessi e corruzione come accade nella Parma vilipesa in cui indago ne La strategia della lucertola. E’ la stessa rabbia del mio autore, con cui convivo ormai da sedici anni. In questo, io e lui, siamo perfettamente d’accordo. Potremmo andare in tandem. Almeno qualcuno che è d’accordo con te, nella vita, ci vuole. Mica si può sempre essere contro tutti. Questo no, non lo può fare nemmeno un commissario.

Franco Soneri

Become a fan