Il potere curativo delle emozioni. Interpretare il linguaggio dei sintomi

Il potere curativo delle emozioni – Interpretare il linguaggio dei sintomi, non è solo il nostro libro, il libro di Debora ed Eleonora, ma è il libro di tutti i pazienti che abbiamo trattato, di tutte le persone che abbiamo incrociato nel corso del nostro lungo e bellissimo cammino, di tutti coloro che hanno voluto farsi amare, che hanno scelto di affidarsi e che, come leggerete, hanno voluto lasciarci la loro testimonianza in segno di stima e affetto ma anche di simbolo concreto del successo del nostro lavoro.

È la naturale prosecuzione di un rapporto nato molti anni fa, quando abbiamo detto “sì” e ci siamo gettate senza paracadute in un’avventura straordinaria: quella dell’aiuto al prossimo e di una ricerca accurata e minuziosa di metodi curativi alternativi alla medicina tradizionale che entrassero però assolutamente in sinergia con essa.

Crediamo fermamente che medicina olistica e medicina tradizionale possano coesistere e tempo ed esperienza ce lo hanno confermato: la collaborazione tra medici, ospedali, strutture riabilitative e operatori in tecniche bionaturali rimane, per noi, una strada efficace per curare la persona nella sua interezza, laddove cura diventa cura del corpo (e della patologia) ma anche cura della persona che si trasforma quindi in un “prendersi cura, prendersi a cuore”.

Questo libro si propone pertanto di far conoscere ciò in cui noi fortemente crediamo al maggior numero di persone affinché il nostro know-how, la nostra esperienza e la nostra passione non rimangano “nostri” ma possano, col tempo, dare frutti.

Ciò che più di tutto vorremmo è generare curiosità, il sano dubbio, quella spinta vitale che ti fa fare il primo passo in avanti (magari perdendo l’equilibrio per un attimo) per dire: «Sì, voglio provare!» e aprire dunque mente e cuore al “possibile”.

Il testo che leggerete è uno dunque, di fatto, uno strumento per cercare di capire cosa sta cercando di dirci la singola patologia e cosa possiamo fare, attivamente e in prima persona, per ritrovare quel ben-essere e quell’armonia che sembrano perdute.

Tre motivi per imparare il potere emotivo dei gesti

Un fenomeno mondiale arriva in Italia e noi proponiamo tre ottime ragioni per conoscere Amy Cuddy e leggere il suo libro IL POTERE EMOTIVO DEI GESTI:

1)      Perché Amy Cuddy ha affrontato il tema dei potere emotivo dei gesti durante una TED Global conference nel 2012. I TED sono cicli di conferenze che si tengono ogni anno, dedicati alla scienza, alla creatività e alle idee. Per alcuni giorni i pensatori più innovativi si incontrano e raccontano la propria esperienza davanti a migliaia di persone, poi l’intervento viene diffuso in streaming in tutto il mondo. La conferenza di Amy Cuddy ha infiammato la platea e appena è stata messa online ha raggiunto un picco immediato di visualizzazioni. I  numeri continuano a crescere di mese in mese, a distanza di quattro anni. Oggi è arrivata a 31,5 milioni di visualizzazioni. Il suo intervento al TED è il secondo più visto di tutti i tempi. Qualcosa vorrà dire!

https://www.ted.com/talks/amy_cuddy_your_body_language_shapes_who_you_are?language=it

2)      Perché Amy Cuddy era destinata a non farcela, o almeno così dicevano i medici. Dopo un grave incidente d’auto, le erano state diagnosticate difficoltà di apprendimento. Non avrebbe neppure potuto finire il college. Più volte l’ha abbandonato ed è ritornata. Anche quando ha ingranato (oggi insegna a harvard!), ha continuato a sentirsi inadeguata: soffriva della “sindrome dell’impostore”, cioè era convinta di non meritare i riconoscimenti che riceveva e temeva che prima o poi qualcuno avrebbe smascherato la sua incapacità. È un problema comune a molti di noi: temiamo sempre di valere meno di quello che dicono i nostri risultati, i colleghi, gli amici. E questa insicurezza di fondo, che non ammettiamo neppure a noi stessi, si percepisce in ogni nostro gesto. Non ce ne accorgiamo, ma più tentiamo di nasconderla e più sembriamo incerti e inadeguati.

3)      Perché Amy Cuddy ha studiato e testato una soluzione pratica, efficace e immediata. La fiducia in se stessi non si può simulare: non basta vestirsi bene, chiacchierare e gesticolare senza sosta. Bisogna agire in modo più sottile. Prima di convincere gli altri, dobbiamo convincere noi stessi. O meglio, dobbiamo convincere il nostro cervello che ci sentiamo davvero sicuri. Come si fa? È qui che interviene il potere emotivo dei gesti: alcuni movimenti sono “codificati” nel nostro istinto di primati e comunicano al nostro cervello che ci sentiamo forti e potenti. Per esempio, alzare le braccia al cielo, come fanno gli sportivi quando vincono. Se assumiamo per qualche istante il giusto atteggiamento (e Amy Cuddy spiega esattamente come fare), comunicheremo automaticamente al cervello che siamo vincenti, e il cervello si comporterà di conseguenza: rilascerà testosterone (l’ormone dell’assertività) e frenerà il cortisolo (l’ormone dello stress). E a quel punto davvero ci sentiremo fiduciosi e potenti perché avvertiremo gli stimoli biochimici delle persone sicure di sé. È come se il nostro cervello, “ingannato” dai gesti giusti, ci stesse fornendo una droga naturale per potenziare le nostre performance.

Vi abbiamo convinto?

Become a fan