I nostri consigli di lettura per un Halloween da paura!

 

Il mese di Ottobre vuol dire solo una cosa: Halloween!

Zucche, ragni, pipistrelli, streghe e fantasmi sono il mix perfetto per un’atmosfera da paura… ma l’ingrediente segreto per animare la notte più paurosa dell’anno è una buona storia horror da leggere da soli (per i più temerari) o in compagnia (per i meno coraggiosi). Noi, come da tradizione, vi consigliamo cinque letture da brivido, in cui non può mancare il re dell’horror Stephen King.

 

Doctor sleep di Stephen King 

Il primo consiglio è Doctor sleep di Stephen King: torna Dan, la luccicanza, i demoni e i fantasmi dell’Overlook Hotel. Uno scontro epico tra il bene e il male, una storia agghiacciante e meravigliosa, perfetta per una serata da brivido!

 

L’istituto di Stephen King 

Uscito da poco in libreria, il nuovo romanzo di Stephen King è un must have per Halloween.

In un’oscura Minneapolis la vita di un ragazzino viene sconvolta per sempre quando una mattina si sveglia in una camera del tutto simile alla sua, ma senza finestre, nel famigerato Istituto dove sono rinchiusi altri bambini come lui.

 

L’amico immaginario di Stephen Chbosky

Mill Grove è una tranquilla e isolata cittadina della Pennsylvania. Tutto sembra andare una meraviglia per Christopher e sua madre, ma un tragico futuro sta per abbattersi. Per salvare la città c’è un solo modo: costruire una casa nel bosco, prima che arrivi Natale. Un romanzo emozionante da leggere tutto d’un fiato!

 

La casa del pazzo di P.I.T.

I fenomeni paranormali di certo non possono mancare ad Halloween, per questo vi consigliamo La casa del Pazzo dei P.I.T. (Paranormal Investigation Team). Una storia vera su una casa abbandonata in cui si diceva vivesse un pazzo che odiava i bambini. Dalla sua morte sono passati anni, ma in quella casa continua ad esserci una presenza, incapace di trovare riposo…

 

Stranger Things

Adesso facciamo un viaggio nel tempo per tornare negli anni ’80. Mettiamo un po’ di fantascienza, un inquietante mostro che avanza minacce da un’altra dimensione, una partita a Dungeons & Dragons tra amici, mescoliamo il tutto e otteniamo Stranger Things… Non possono mancare all’appello i nostri tre libri della serie più amata di Netflix:

 

Stranger Things Il libro ufficiale

È una perfetta guida, un manuale per esplorare la doppia faccia di Hawkins, la cittadina dell’Indiana interpretata da entrambi i lati, sopra e sotto.

 

Stranger Things. Suspicious mind

Un prequel imperdibile che svela retroscena inediti come la storia della giovane Terry, madre di Undici, rimasta invalida dopo aver partecipato ad un esperimento psichiatrico.

 

Stranger Things. Buio sulla città

Buio sulla città è un romanzo che torna indietro nel tempo per raccontare la vita di Jim Hopper prima che cadesse a pezzi, quando era soltanto un uomo come tanti in una città gigante come tante insieme alla sua famiglia.

 

Si consiglia di accompagnare il tutto con luce spenta, candele, un cappello da strega e tanto coraggio! Buon Halloween!

Come stelle portate dal vento

Dopo avere conquistato e commosso migliaia di lettori e lettrici con Anna che sorride alla pioggia – la storia della sua bambina, nata con un cromosoma in più, e della sua famiglia – Guido Marangoni torna finalmente in libreria con una nuova storia: Come stelle portate dal vento. Un intreccio di tante storie, in realtà: testimonianze di cadute e ripartenze, paura e resilienza raccolte lungo il viaggio che lo ha portato per due anni in giro per l’Italia, a condividere in librerie, piazze e teatri l’esperienza quotidiana della fragilità.

 

Guido, com’è cambiata la tua vita dopo aver pubblicato “Anna che sorride alla pioggia?
Dico sempre che, da quando è uscito nelle librerie Anna che sorride alla pioggia, la sensazione è molto simile a quella che proverebbe un bimbo entrando a Disneyworld. Strepitoso! Vedere il libro nelle vetrine, incontrare le persone alle presentazioni, scoprire e osservare in treno una ragazza che legge il mio libro e sorridendo si commuove… tutto questo ha davvero qualcosa di magico.
In realtà, però, la vita non è proprio cambiata, ma forse si è completata, arricchita. La parte più potente, che dona veramente un senso a tutto quello che sto facendo e che con la mia famiglia stiamo facendo, sono gli incontri e le condivisioni. Riceviamo centinaia di migliaia di messaggi, incontro moltissime persone ai miei spettacoli e a volte succede che ci fermano per la strada, per salutarci e per raccontarci la loro storia. Per fortuna ho le mie donne che mi aiutano a non prendermi troppo sul serio… Ve lo confido: sono bullizzato dalle mie donne, che mi prendono in giro e ridono di me con me. È davvero meraviglioso.

 

In questo nuovo libro sveli una tua personale passione per le “rose dei venti”: un simbolo affascinante in cui hai scoperto anche una sorta di metafora della vita stessa. Ce ne vuoi parlare meglio?
La mia passione, o meglio, attenzione per la “rosa dei venti” nasce da un’interrogazione, che racconto nel libro, durante la terza elementare. Uno di quei piccoli episodi che tutti custodiamo nella memoria e che, anche se insignificanti al resto del mondo, nascondono piccole briciole di entusiasmo utili quando siamo a corto di meraviglia. Da ragazzino la disegnavo ovunque, anche sul soffitto della mia cameretta per suggerirmi la direzione che avrei preso, scoprendo sempre che la vita è un continuo cambio di rotta. Ora, da adulto, la osservo ovunque, la cerco e la trovo nei luoghi più strani: sul pavimento delle piazze, sui muri dei palazzi, sulle tovaglie, su libri, quadri e sulla pelle delle persone. Ho iniziato a chiedere il significato di alcuni tatuaggi che ho osservato su caviglie e braccia. Ogni racconto è incredibilmente pieno di vita, la rosa dei venti è essa stessa una metafora della nostra vita. Una consapevolezza di essersi spesso smarriti e un grande desiderio, che ci unisce tutti, di trovare la strada del ritorno. Adesso provo a contenermi nel chiedere spiegazioni delle rose dei venti tatuate perché, anche se Anna è diventata “la stalker del sorriso”, io non vorrei essere ricordato come “lo stalker della rosa dei venti”.

La soluzione FastReset®

Ho sognato a lungo, da quando ho cominciato a esercitare la psicoterapia, di avere a disposizione un modo semplice, rapido, efficace e sicuro per trattare i traumi, i disagi emotivi e le convinzioni irrazionali, quelle che ci fanno dire: “tanto non ci riuscirò mai, non è per me!”.

Ho sperimentato, negli anni, diverse tecniche, molte delle quali assai utili. Però non sono una che si accontenta facilmente e speravo sempre di trovare qualcosa che mi convincesse fino in fondo.

Ecco perché ho continuato ad approfondire le mie ricerche, e alla fine sono riuscita a mettere a punto io stessa quello che cercavo: il FastReset®.

Si tratta di un vero e proprio “reset” emozionale, estremamente rapido, efficace e duraturo, ideale persino, in molte situazioni, per l’auto-aiuto. I due libri che ho scritto sono il risultato della mia esperienza con questo metodo e spiegano quando e come può essere utilizzato per sciogliere gli ingorghi emozionali, trasformare la rabbia, dissolvere l’ansia, le paure, le fobie, i residui dei traumi, le dipendenze. Il tutto senza un intervento esterno, senza doversi convincere di alcunché, in piena autonomia e libertà.

La soluzione FastReset® è una guida alla pronta e completa soluzione di piccoli (e grandi) disagi emotivi che costellano la vita e la giornata di chiunque di noi. Un vero manuale di sopravvivenza emozionale, alla portata di tutti e di facile applicazione. 

Maria Grazia Parisi

Become a fan