Nives e Dorothy

Per anni, Nives Frigo e il suo programma di cucina francese e buone maniere hanno riscosso grande successo sulla rete nazionale TVB. Ecco chi è Nives

Nives ha 32 anni, segno zodiacale vergine, e da quasi cinque anni è la conduttrice di “Eleganza in cucina”, la trasmissione pomeridiana di pasticceria francese e bon ton di TVB. Ama la pasticceria francese perché è complessa e richiede rigore ed esattezza. È una persona molto professionale, molto corretta e molto esigente, sia con se stessa che con gli altri. Ama l’ordine e le regole, detesta la sciatteria. Tanta è la passione che riversa nella cucina, quanta quella che manca nella sua vita privata: è fidanzata con un ricercatore distratto e formale, e la loro realazione è ad un punto morto.

Ed ecco chi è Dorothy

Dorothy, segno zodiacale toro, ha 26 anni ed è una bionda pornostar americana temporaneamente in prestito alla cucina: il produttore l’ha imposta a Nives come co-conduttrice della sua trasmissione per recuperare ascolti. Dorothy non sa cucinare e non è interessata granché all’argomento: per lei una cibo vale l’altro. Ha però voglia di fare cose nuove e la trasmissione la incuriosisce. È molto attraente e le piace sedurre, anche se non sempre lo fa apposta. È distratta, spesso con la testa per aria e anche se sembra una persona alla mano e senza complicazioni, nessuno capisce realmente quello che pensa. È sposata con Ian, un musicista rock, ma hanno una relazione aperta. 

Tanto sesso, siamo inglesi!

 

Ricordate il celeberrimo refrain «Niente sesso, siamo inglesi», titolo di una fortunata commedia che nel 1971 conquistò Londra e il primato delle repliche?  Ebbene, niente potrebbe essere più lontano dai gusti dei britannici. Semmai, come suggerisce il titolo di questo saggio di Antonio Caprarica, è vero l’esatto contrario.

Per centinaia di anni, prima che l’irreprensibile Vittoria confinasse le gioie del sesso al letto coniugale, a nessuno mai sarebbe venuto in mente di associare l’immagine dell’inglese con la castità e l’astinenza. Infatti nella storia dell’isola non è difficile incappare in vescovi che riscuotono l’affitto dei bordelli, prostitute che frequentano la Corte, maîtresse che inventano eccitanti torture, nobili che mettono a repentaglio la propria reputazione nei «club sodomiti».

Il vero carattere degli inglesi, con la loro sfrenata passione per il sesso, lo scoprirete nel racconto che state per leggere, dove il sesso proclama la sua vittoria tra amorazzi principeschi, commerci miserabili e avventure esilaranti.

Eros in Rosa

Cosa succede quando un uomo e una donna si incontrano? Quale alchimia scatta tale per cui l’uno diventa necessario e complementare per l’altra e viceversa?

Scriveva Fabrizio De André:

ma gli uomini mai mi riuscì di capire

perché si combinassero attraverso l’amore.

Affidando ad un gioco la gioia e il dolore…

Ecco quattro nuovi ebook Sperling Privé che raccontano, da differenti punti di vista e attraverso stili personali, le dinamiche fisiche, mentali e sentimentali di quattro storie d’amore, uniche nel loro genere.

E per andare in profondità alle ragioni dell’amore, dell’eros ma anche della scrittura e delle autrici stesse, abbiamo pensato a una giornata dedicata all’Eros in Rosa, cioè alla narrativa erotica che sposa le atmosfere del romance.

Così alcune blogger hanno intervistato le autrici di questi quattro nuovi ebook: Beatrice De Carli, Patrizia Crespi, Eva Manga, Flumeri & Giacometti. Il risultato? Una chiacchierata a più voci (e più step) tra donne che raccontano il proprio immaginario artistico, la propria fonte di ispirazione, il modo di scrivere e l’apporto personale nell’affascinante quanto intrigante (e forse pericoloso) mondo dell’Eros.

Anna http://www.sognandotralerighe.blogspot.it/2013/12/erosinrosa-con-sperlig-prive-una.html

Federica http://emozionidinchiostro.blogspot.it/2013/12/blogtour-sperling-prive-eros-in-rosa.html

Lavinia http://annaloveangel.blogspot.it/2013/12/eros-in-rosa-con-sperling-prive.html

Floriana http://labibliotecadellibraio.blogspot.it/2013/12/erosinrosa-contest-sperling-prive_3.html

Stella http://www.50sfumatureitalia.it/eros-in-rosa-intervista-multipla-con-le-autrici-sperling-prive/

Anita http://loradellibro.blogspot.it/2013/12/eros-in-rosa-con-sperling-prive.html

Reading at Tiffany http://www.readingattiffanys.com/2013/12/speciale-eros-in-rosa-con-sperling-prive.html

 

La Fenice book http://www.lafenicebook.com/2013/12/blogtour-erosinrosa-per-sperling-prive.html

La trilogia delle stanze – Trovami

La storia di Elle (ambientata in una Parigi cupa e poco turistica) è diversa dalle trilogie erotiche a cui, ultimamente, siamo stati abituati.
Elle non è una ragazza innocente e sprovveduta (forse un po’ ingenua, ma è anche molto giovane), fa la escort per aiutare la madre malata e con una certa convinzione considera andare a letto con gli sconosciuti una seduta di ginnastica.
È bella e morbida (nessuna bellezza scheletrica o filiforme), è un po’ impacciata con le sue forme ma sa come utilizzarle per far parlare gli uomini (il che denota che è un po’ scafata).
Il primo capitolo de La trilogia delle stanze ruota intorno a Pigalle, iniziazioni erotiche, conflitti e ambiguità e a una ragazza  molto combattuta, perché la situazione in cui si trova non è semplice.
Da escort, Elle diventa la fidanzata di un pezzo grosso che ama più per il suo romanticismo e per le attenzioni che le dedica che per le sue doti sessuali.
La parte fisica la vive (in maniera molto particolare) con un cliente sconosciuto, che scopre essere il fratello del suo futuro sposo.
Sì, perché Elle continua a fare la escort anche con l’anello di fidanzamento al dito, inizialmente perché ha bisogno di soldi per un regalo speciale al futuro sposo, poi perché sente nascere una certa passione per il cognato misterioso.
Insomma, in questo romanzo niente è come sembra: messaggi scritti, regali, camere di hotel, amici, amanti, mamme e maggiordomi. Trovami, la prima stanza della trilogia, ha non pochi colpi di scena.
Eros (molto, a volte raffinato a volte sconcertante), sesso (anche un po’ perverso per certi versi), mistero, amore: gli ingredienti per piacere ci sono tutti.

La consigliamo a chi:

ama l’eros raffinato e non ne può più di frustini e manette
ama Parigi perché Parigi è sempre Parigi
ama le atmosfere cupe, i luoghi ambigui, i personaggi foschi

Da leggere con:
macarones e caffè lungo.

Una particolare specie di…

Le quattro amiche di Sex and the City hanno fatto scuola: hanno sdoganato le confidenze tra donne (non che prima non si facessero, semplicemente gli uomini erano all’oscuro di come si parlasse di loro), hanno creato e a volte ribaltato stereotipi femminili (la donna romantica alla ricerca del buon partito che si concede scappatelle, quella in carriera che poi si innamora e lascia Manhattan per amore, la disinibita e promiscua che diventa monogoma).
Dagli anni ’90 gli uomini hanno iniziato a guardare diversamente quattro donne sedute a bere un cocktail.

Anche in Una particolare specie di attrazione c’è un consesso di amiche (la bella, la manager, l’artista fragile e pudica) che si incontrano per parlare di sesso e libri (cioè, di libri che parlano di sesso, in un circolo letterario sicuramente sui generis) e in una fiction nella fiction, Kim (l’artista pudica) che legge nel romanzo oggetto di discussione la storia d’amore tra un cowboy e una ragazza di città, si trova a sua volta a viverne una con Ty. Attraente proprietario di un ranch, ragazzo tutto muscoli, cavalli e molto cervello (romantico – detto per inciso – da morire).

Il divario tra i due non è solo relativo alla distanza di abitudini e prospettive di chi vive in città e chi in campagna, ma ha un respiro più ampio perché Kim è asiatica e sente – molto più di un ragazzo occidentale – le pressioni dei genitori e le loro aspettative sul suo futro (cioè, tornare a Hong Kong appena terminati gli studi d’arte, entrare nella compagnia internazione di famiglia, sposare un connazionale).

Ty la chiama libellula, perché Kim e piccola e colorata, la inizia al vero piacere fisico, le fa prendere coscienza del proprio corpo e della propria indipendenza.
Ma c’è un aereo che aspetta la ragazza, come andrà a finire?

Clichè sì, ma con garbo: Ty è innamorato, soffre di una sindrome da evitamento e cerca l’altra metà della mela; Kim è combattuta tra aspettative e ambizioni. Astraendosi da ranch, Hong Kong, body painting e confessioni hard, in Una particolare specie di attrazione possiamo trovare situazioni emotive, dialoghi, scambi profondi e confessioni che possono essere vissuti anche nella vita vera. E sognare un partner affascinante, attento e innamorato come Ty.

Da leggere se:
– amate la campagna, gli animali e lo yoga
– gli ombrelli colorati, d’inverno, vi rallegrano le giornate
– siete fermamente convinti che gli opposti si attraggono

Da accompagnare con un’apple pie ricoperta di gelato alla crema e un lungo caffè.

Become a fan